Il Tasso che fece incazare l’Avvocato. Storia rosa di Bernard Hinault

E’ nato in Bretagna, in riva al mare, ma la gloria l’ha trovata altrove, ai panorami marini ha preferito quelli montani. Davanti a se vedeva la baia di Saint-Brieuc, che sta innanzi a Yffiniac, ma sognava le creste alpine e pirenaiche. Le avrebbe conquistate anni dopo quando il suo nome e il suo cognome, Bernard Hinault, divennero storia del ciclismo, e molto spesso si persero dietro il nomignolo “Monsieur Blaireau”, signor tasso. E a un tasso Hinault assomigliava davvero. Non per sembianze, per attitudine. Il tasso guarda, memorizza abitudini e comportamenti, si fa vedere pacioso e distratto, poi al momento opportuno sfodera un colpo d’artigli e conquista la preda. Hinault in bicicletta faceva lo stesso: si perdeva tra i tanti, si nascondeva, non si faceva scorgere, a vederlo sembrava sempre che stesse faticando, che fosse sul punto di staccarsi, poi si ridestava, attaccava vinceva. Hinault quando correva vinceva, non c’erano discussioni né alternative. Correva poco, meno dei campioni che lo avevano preceduto, più di quelli che lo avrebbero seguito, ma quando sceglieva una corsa non perdeva quasi mai. Corse otto Tour de France, ne conquistò cinque, una volta si ritirò, due volte fu secondo; corse tre Giri e due Vuelte, non ne perse una. Si portò a casa anche due Liegi e due Lombardia, vinse pure una Roubaix, pur considerandola ciclocross, una “cagata di corsa”.

TOUR DE FRANCE 1985 : TOULOUSE / LUZ ARDIDEN
CYCLISME – TOUR DE FRANCE 1985 – TOULOUSE/LUZ ARDIDEN – mag (1206) du 23/07/2005 – l'(04/07/2008) – hinault (bernard)

Vincenzo Torriani, il patron del Giro d’allora, per portarlo in Italia nel 1980 litigò con Gianni Agnelli. Il Tasso allora correva per la Renaut, rivale d’Oltralpe della Fiat, sponsor della corsa. L’Avvocato che non vedeva di buon occhio la vittoria di un corridore “targato” Renault e avrebbe preferito non averlo in corsa. Torriani si impuntò, gli disse che senza Hinault sarebbe stato un giretto e che un giretto poteva anche fare a meno della Fiat, che magari avrebbe trovato macchine buone anche altrove anche in Cecoslovacchia. L’Avvocato mandò al diavolo quel diavolo di Torriani e non proferì più parola. Quel Giro lo vinse Hinault, lo conquistò con un’azione matta sullo Stelvio, un lungo volo con il fido compagno Jean-René Bernardeau. Il Tasso conquistò la maglia rosa, il gregario la tappa. Hinault vinse 216 tappe, ne concesse ai compagni almeno una cinquantina. E in un ciclismo che usciva da un decennio di Eddy Merckx, la cosa fece se non scalpore, quanto meno stupore.

Annunci

Un pensiero su “Il Tasso che fece incazare l’Avvocato. Storia rosa di Bernard Hinault

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...