A Pomarance Thomas ha inseguito le comete

A Pomarance Antonio Santucci alla terra preferiva il cielo. Lo scrutava, ne appuntava i movimenti, i cambiamenti, le novità. Al giorno preferiva la notte, alla luce fissa delle stelle, quella abbagliante delle comete. Sfidò il luogo comune della scienza dell’epoca: non fenomeni atmosferici, oggetti celesti. Era il 1611 e allora in molti gli diedero del pazzo.

A Pomarance quattro secoli dopo e qualche spiccio Geraint Thomas al cielo ha preferito la terra. Come lo scienziato ha scrutato, ha appuntato i movimenti, i cambiamenti e le novità del gruppo condotto dalla Quick Step. Ma alla notte, ha preferito il giorno e allo studio, la prassi. L’attacco. Il gallese è così scattato, ha così salutato, si è così involato. Quattro chilometri d’avanguardia, su per l’asfalto che conduce al paese. Quattro chilometri cattivi domati con cattiveria. Quattro chilometri all’insù, ma corsi senza leggerezza, un assolo di agilità potente. Un arrivo senza comprimari, solitario, pugno al cielo e un urlo sfinito.

Dietro, dopo una lunga transumanza di 228 chilometri, pianeggiante all’inizio, un movimento continuo verso il finale, Tom Dumoulin ha provato a riprendere il gallese della Sky, aggrappato al manubrio ha cercato il volo, ma le sue ali sono rimaste impigliate. Il gruppo ha inseguito affamato, l’ha raggiunto sotto lo striscione, ma è arrivato dietro, poche decine di centimetri che hanno decretato il terzo posto di Peter Sagan. Proprio lui che sembrava essere scomparso dalle prime posizioni a causa di gambe stanche e qualche botta arretrata. Poi la ripresa, la rimonta, lo sprint e quella ruota arrivata per terza, ma prima di quella di Greg Van Avermaet, che un paio di settimane prima l’aveva beffato in terra belga. Per il campione olimpico la novità di una maglia blu, che alla Tirreno-Adriatico è primato, scippata per piazzamenti al compagno Damiano Caruso.

tirreno-adriatico-2017-stage-2-14861372761-800x457-800x457
La seconda tappa della Tirreno Adriatico del 2017
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...