Quello strano motorino nella bici di Kittel. La missione di Poldo

Poldo è un gran signore. Quest’anno ha deciso di rifiutare un grande incarico alla Gazzetta (vicedirettore, ma mi ha pregato di non riferirlo) per accettare l’invito di don Ciotti: andare al Giro per consolare chi non arriva primo. Poldo ovviamente non poteva non accettare essendo stato da piccolo un piccolo ciccione che in bici perdeva sempre. Ha deciso quindi di farsi carico delle sconfitte altrui.

MarcelKittel060516Dato che ieri si era perso in una birreria in Germania al confine con l’Olanda, ha iniziato oggi nella sua missione consolatoria. Non che ieri si sia sottratto dal suo obbiettivo. E così si è preso cura di una pia signorina tedesca, bionda, elegante e molto distinta, anche se un po’ cara, perché le cose bisogna dirle sempre per dovere di cronaca.

Generosià per generosità, Poldo si è subito gettato nella sua missione e si è ritrovato a bordo arrivo con Elia Viviani vicino. Marcel Kittel era già transitato lì da più o meno un quarto d’ora nono stante tutto si fosse deciso allo sprint. Il veronese si è perso, ha smarrito la strada, si è ritrovato non si sa bene dove in mezzo al gruppo. Poldo si è avvicinato, hanno parlato e sono giunti alla conclusione che domani andrà sicuramente meglio. Il mago do Nascimiento, noto collaboratore di Poldo ha confermato che il casino astrale di oggi non si ripeterà domani.

1706822926E non si ripeterà domani anche perché l’armadio tedesco è stato trovato con il motorino acceso sulla bicicletta. Sarà squalificato: o forse no, perché l’avvocato Taormina si è detto assolutamente certo che il motore trovato a Kittel è pienamente legale. Il biondo Marcel infatti ha montato un programma sul ciclocomputer che a un tot dall’arrivo trasmette l’immagine di Alessandra De Stefano in pose sexy, così da far spingere il tedesco più forte sui pedali. Come sanno tutti infatti  è da almeno tre anni che la grande giornalista della Rai sta cercando in ogni modo di averlo in sposo. La caccia continuerà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...