L’idiozia dei freni a disco oggi e il buon senso che manca da troppo tempo all’Uci

Il buon senso è quella cosa che più di ogni altra dovrebbe spingere i ragionamenti di coloro sono chiamati a decidere su qualsiasi cosa. L’Unione ciclistica internazionale è chiamata a decidere sul ciclismo e ha dimostrato negli ultimi anni che non solo non si sappia affidare al buon senso, ma nemmeno a un qualsivoglia senso. I neuroni dei capi girano molte volte a vuoto, le sinapsi si interrompono, si saltano passaggi logici elementari e tutto diventa un gran bel nonsense che sarebbe piaciuto molto a Beckett.

Peccato che il ciclismo si corra nelle strade e non in teatro e l’assurdo è meno interessante e artistico se viene rappresentato sulle spalle dei corridori. E quando arriva la realtà a rendere evidente l’idiozia della mancanza di buon senso è sempre un problema. Per chi quotidianamente fatica sui pedali, ovviamente.

E così correre a quaranta-cinquanta-sessanta all’ora con delle lame piantate accanto alle ruote e senza alcuna protezione se può apparire un’idiozia e un pericolo anche a chi è a digiuno di esperienze ciclistiche, così non è per i gran capi delle biciclette professionisti. Poi arriva la realtà e combina questo, rende evidente l’evidenza. In questo modo:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa è la gamba di Francisco Ventoso. La gamba di Francisco Ventoso dopo che un freno a disco l’ha colpito alla Parigi-Roubaix.

Ventoso è spagnolo, buon passista, un faticatore diligente, per altri spesso, per se stesso a volte, quando il terreno è accidentato e il suo spunto veloce lo catapulta davanti al gruppo. Alla Roubaix doveva stare davanti per favorire i capitani. Si è ritrovato a terra sul pavé. Gli è arrivata addosso una bici. Una di quelle “sperimentali”, perché il diktat istituzionale aveva deciso che i freni a disco andavano sperimentati e non bastava il buon senso di molti a dire che era una cagata pazzesca.

La gamba di Ventoso ha messo la parola fine a questa sperimentazione.

“Per come sono concepiti adesso – ha scritto il corridore in una lettera aperta – i freni a disco sono dei giganteschi coltelli, dei machete quando ci si cade contro”. “Io sono stato fortunato – ha proseguito -: non ho avuto la gamba tagliata, sono solo muscoli e pelle. Ma vi potete immaginare quel disco tagliare una giugulare o un’arteria femorale? Io preferisco non farlo”.

“Cosa succederà quando 396 dischi saranno in gara dove 198 corridori staranno battagliando ferocemente per le posizioni di testa?”.

 

 

Annunci

2 pensieri su “L’idiozia dei freni a disco oggi e il buon senso che manca da troppo tempo all’Uci

  1. Affrontare a 50 kmh il pavé della roubaix o del fiandre con i tifosi a 20 cm dai corridori non è pericoloso! Seguendo lo stesso ragionamento dovremmo vietare questo tipo di gare come le volate a 70 kmh, i tifosi ai margini delle strade, le decine di moto dell’organizzazione etc. Per favore evitiamo cavalcare polemiche degne solo di essere discusse al bar sport.

    1. E chi ha detto che è pericoloso questo. Il problema è avere una lama affianco alla ruota. E’ l’atteggiamento dell’Uci che non ha ascoltato i corridori sull’introduzione dei freni a disco. Non ho mai parlato di corse pericolose. “E così correre a quaranta-cinquanta-sessanta all’ora con delle lame piantate accanto alle ruote e senza alcuna protezione se può apparire un’idiozia e un pericolo anche a chi è a digiuno di esperienze ciclistiche, così non è per i gran capi delle biciclette professionisti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...